venerdì 19 gennaio 2018

La moda questa sconosciuta! - Corea -

Ed eccoci di ritorno con la seconda parte di questo pazzo, folle e coloratissimo spazio! 
Bene restate in nostra compagnia per questo secondo approfondimento!
Narra la legenda che anni e anni orsono, la dea della bellezza inorridita dagli outfits dell'Olimpo, scagliò una maledizione che...
Ok, STOP, STOP!
Rewind!!!!
Chi dice che il monocromatico è sinonimo di eleganza? Beh, tutte noi dramiste che sbaviamo ore ed ore nelle mise total black, dei nostri attori preferiti! Mi pare ovvio!
Signore e signori, vi presentiamo oggi la moda in: SUA MAESTÀ LA COREA!
Partiamo dai cenni storici? Ma sì, tanto siamo qui per questo!
Tornando a ritroso nel tempo, l'HANBOK, rappresenta il costume tradizionale tipico della Corea, che unisce sia il sud che il nord.
Ad oggi sono ancora presenti nella moda del paese, ma utilizzati per occasioni particolarmente formali e di rilievo.
L'abito si compone di due parti fondamentali, la casacca, solitamente annodata da un evidente nastro in raso all'altezza del giro seno e una gonna ampia e voluminosa. In antichità l'uso di materiali di alta qualità come la seta e il cotone, erano un biglietto da visita per lo status sociale delle nobildonne che accompagnavano il tutto da elaborate acconciature dove le protagoniste erano trecce molto complesse, per i ceti meno abbienti invece, il tessuto utilizzato era la canapa, quindi molto più "grezzo" e rude, seppure il modello e la composizione rimanessero inalterati.
Oltre all'estrazione sociale, i colori davano indicazione anche dell'età della persona che indossava l'abito nonché la condizione civile.
P.S. se siete prossime ad un viaggio in Corea non vorrete farvi mancare la tradizionale passeggiata in hanbok vero? Vi consigliamo però, di non scegliere i colori abbinati: rosso/blu (da fonti autorevoli mi è stato detto che appartenevano alla classe sociale delle prostitute).
Passiamo ad un accessorio maschile di età Choson/Joseon?
Chi se non lui?
Il cappellone sfigato che vediamo in qualsiasi drama storico ci passi sotto il naso il: Kat!
Quell'aggeggio con tutte quelle pietruzze come laccio sotto il mento, adattissimo allo strangolamento! Sì, avete letto bene proprio lui!
Un cappello che anche oggi, continua la sua ascesa al potere, e noi ci chiediamo PECCHÈ?! (Scritto di proposito senza R x°D)
Non sappiamo darvi risposta, le nozioni più profonde che possiamo rifilarvi sono che questi accessori vengono prodotti con crini di cavallo ed avevano il compito di proteggere il capo degli uomini durante l'esposizione alle ore più calde, anche se nel corso del tempo, pare essere diventato un segno di riconoscimento, non si spiegherebbe altrimenti il motivo per il quale venisse indossato anche di notte!
È proprio vero, paese che vai stranezza che trovi!
Cerchiamo di saltare un po' i tempi e di arrivare ai nostri giorni?
Beh, partiamo dai must che stanno tornando a riaffacciarsi anche sui lidi di casa nostra.
La camicia con colletto alla coreana ad esempio, seppure ne porti il nome non si vede sovente in patria dove i ragazzi e le ragazze cercano di vestirsi in maniera più occidentale possibile.
Sicuramente avrete visto questo tipo di abbigliamento principalmente in rappresentazioni che abbiano  come carattere di fondo le arti marziali.
I ragazzi e le ragazze infatti hanno stili completamente differenti.

Le donne intese come ragazze, adottano infatti un abbigliamento molto appariscente, tendono a mostrare principalmente le gambe utilizzando shorts a tutto spiano.
Ma anche mini mini, ma molto minigonne, quei flebili pezzettini di stoffa che riescono a malapena a coprire ovaie ed utero.
Cercando però di andare a "correggere" quei punti deboli che possono caratterizzare la fisionomia tipica del posto. Infatti la non "generosa" presenza nella parte del busto fa preferire magliettine più svasate e "riempitive".
Le scarpe con tacco 12 sono all'ordine del giorno e indispensabili, anche per andare a fare la spesa!
Povere loro, non sanno cosa si perdono con un paio di Converse ai piedi!
Ma dove Dio creò i reggiseni contenitivi, i coreani arrivarono ad inventare...
La mutanda RIEMPITIVA PER I GLUTEI.
Su questo argomento ora, giuro che potrei starci a perdere le ore, perché qui da noi non facciamo che avere complessi sulle forme mediterranee, cerchiamo sempre di più di arrivare ad emulare un canone di bellezza longilineo, slanciato stile palo telegrafico e questi sono arrivati al punto di mettersi un cuscino sulle chiappe per avere un po' di rotondità...
Ammettiamolo, l'essere umano è un eterno indeciso e vuole sempre ciò che non può avere.
L'uomo invece punta sull'eleganza, sul: "so figo, e lo so!"
Classicità intramontabile su look total black, mistero dell'uomo in carriera sempre accompagnato da camice molto aderenti (sia lodato il Signore!) e pantalone con riga al lato, INTRAMONTABILE!
Proprio i signori coreani hanno lanciato la moda del RISVOLTINO, ora scagliate o meno la prima pietra ma, i risvoltini amati o odiati che siano sono arrivati anche a casa nostra e spopolano, anche gli ottantenni li sfoggiano con estrema nonchalance sotto mocassini di dubbio gusto...
Ce la vie!
Ciò che non sapete però è che l'uomo, così "minimalista" diventa maniacalmente ossessionato dagli accessori, orologi, cravatte, bracciali ma soprattutto calzini e scarpe!
Perché il punto forte in un ensemblè così sobrio diventano proprio loro!



Passiamo oltre?
Che aggiungere, vi siete mai concentrati sui piedi degli asiatici?
Certo, non siamo tutte feticiste ma ammettiamo che spesso balza all'occhio una moda smisurata che si avvale dell'uso di scarpe di 2-3 numeri più grandi del necessario.
Qui nessuno è sessista e femminista e seppure di scenette canzonatorie fin da ragazzini ne abbiamo sentite a bizzeffe i detti popolari vanno sfatati.
L'abbondanza NON è sinonimo di bellezza!


Noi vi preghiamo e imploriamo, comprate le scarpe del numero giusto, vedervi strusciare i piedi a terra NON È BELLO PER NIENTE!
Le scarpe giganti lasciamole ai clown voi indossate calzature comode, ok chi bello vuole apparire deve soffrire ma in questo modo fate soffrire anche noi!
E poi, concedetemelo uno sfogo...
BASTA con i pantaloni con il cavallo basso!
Sfatiamo questo mito, non siete gli unici a guardare il sedere alle donne, anche noi lo guardiamo e con quelli sembra che vi siate fatti i bisogni fisiologici nelle mutande!
Basta per favore...
Ve lo chiediamo per pietà...
Comprendete anche noi!
Alla prossima puntata~


20 commenti:

  1. ahahhahahah non riesco a smettere di ridere XD questa rubrica è scritta meravigliosamente. Comincio col dire che non sapevo fossero i coreani i colpevoli del risvoltino (disgraziati!), ma ormai me ne sono fatta una ragione. Una cosa cmq l'ho capita: gli asiatici non soffrono il freddo alle gambe. Tra risvoltini maschili e cosce all'aria con le divise scolastiche femminili (anche con la neve!), ci credo che poi non hanno un pelo, gli cascano per il freddo! XD Per quanto riguarda gli abiti tradizionali ormai siamo diventati degli esperti nel settore, grazie all'innumerevole quantità di drama storici che visioniamo. Inoltre mi sono sempre chiesta come facessero gli uomini a non strozzarsi con quella cordicella con tanto di perline a strizzargli la carotide. Beh...di sicuro il kat non gli volava via! Tornando al presente, la camicia con collo alla coreana è un elemento che ADORO negli uomini. Non sono amante delle camicie (soprattutto perchè è d'obbligo stirarle), ma per il colletto alla coreana faccio un'eccezione. I coreani ne sanno molto in quanto al ben vestire, non c'è dubbio. Sono amanti della moda e tengono molto a curare l'aspetto (forse pure troppo delle volte). Che dire...andiamo a fare shopping in Corea? Grazie per la bella e simpatica lezione di moda <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta ♥
      Sono contenta la rubrica ti sia piaciuta ^_^ manca la Cina all'appello. Bisogna iniziare a tremare!
      I lacci del kat, lasciano i brividi anche a me ma concordo con le camice alla coreana. Mi piacciono sia sull'uomo che sulla donna!

      Elimina
  2. P.S. ma cosa diavolo sono quelle? le scarpe di telespalla Bob??! Perchè mi domando, perchè? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta!
      Quando si tratta di moda... non c'è mai limite al peggio! X°D
      La cosa delle divise scolastiche l'avevamo anche noi, tanti anni fa, però. XD
      Anche ai tempi di mia nonna ed anche di mia mamma dovevano portare la gonna e le calze corte in inverno. E mio papà i pantaloncini corti. Solo al pensiero, mi viene voglia di mettermi sotto al piumone per il freddo. D:
      Siamo fortunati che, almeno da noi, non si usa più. XD

      Elimina
    2. Ciao Marta, io ammetto che di moda non capisco un corno!
      Ammetto anche che come te non vado pazza per le camice per il tuo stesso motivo LOL
      Concordo con te con gli abiti tradizionali, io prediligo quelli maschili, che si vedono nei drama storici dell'epoca Joseon per capirci... wow...
      Odio anche io i risvoltini e soprattutto le scarpe senza calzini!
      Non li sopporto davvero!!! ARGH...
      Anche tu hai pensato a Telespalla Bob? Anche io, ahahahahahah

      Elimina
  3. HANBOK è una di quelle cose che se vai in corea devi per forza indossare...e vi posso garantire per esperienza personale, che una volta indossato non vorreste più toglierlo. passeggiare ore nei palazzi reali con addosso quegli abiti vi farà sognare!

    RISVOLTINO....che da noi però ha preso la piega sbagliata in quanto gente gira con i risvoltini talmente ampi che in realtà fa diventare il pantalone a pinocchietto......e aggiungerei in pieno inverno non si può vedere!

    "BASTA con i pantaloni con il cavallo basso!
    Sfatiamo questo mito, non siete gli unici a guardare il sedere alle donne, anche noi lo guardiamo e con quelli sembra che vi siate fatti i bisogni fisiologici nelle mutande!" Dio come non darti ragione.

    grazie mille per questa rubrica:)

    Martina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martina!
      Posso immaginare che sia un'esperienza davvero bella poter indossare l'Hanbok. *-* Credo ti faccia sentire come una protagonista dei drama storici che tanto amiamo guardare. ♥

      Ahimé, i risvoltini... sono la piaga del nostro tempo.
      Concordo, in pieno inverno sembra solo che abbiano casa constantemente allagata. XD

      Grazie a te♥

      Elimina
    2. Ciao Martina,
      come ho scritto sopra, anche io sono contro i risvoltini, ma anche alle scarpe senza calze e ai pantaloni con l'acqua in casa e a tante altre cose che alcuni considerano alla moda, ma che se fossi io a indossarle, mi segrererei a vita in casa per la vergogna!
      Immagino che bella sensazione tu abbia provato con l'hanbok, rimarrà tra i tuoi ricordi per sempre. Spero di poterlo provare anche io un giorno. Grazie a te di essere passata a commentare, la nostra Jem sarà felice per il tuo apprezzamento <3

      Elimina
  4. Ciao Martina, grazie mille per aver lasciato un segno del tuo passaggio.
    A me i risvoltini ammetto che non fanno impazzire, ma per una questione di comodità (essendo alta una vigorsol e mezza ed essendo i pantaloni perennemente lunghi) capita di usarli.
    I sarti ormai scarseggiano!
    L'Hanbok invece mi riporta alla mente la sensazione di eleganza senza tempo~

    RispondiElimina
  5. C-i-a-o!!!! Scusate la premessa che devo fare, ma torno dopo quanto...? Perdono...Ho perso la via dei drama... :( E non l'ho ancora ripresa...me tapina.
    Lo so che vado a periodi, ma questa volta ho avuto problemi di tempo poi mi son data al recupero degli anime...ma arriverò di nuovo dai drama.
    Detto questo...Un giretto ci voleva lo stesso e sono strafelice di vedere articoli del genere! *_*
    Grasssie! <3
    Me commenta!
    Non sapevo praticamente il 98% (ocio al 2% XD) delle cose perché ogni volta voglio approfondire ma poi son pigra.
    Diciamo che per alcune cose si può decisamente dire che si vestivano meglio prima che ora...XD
    Attenzione al blu e rosso ma una prova dei vestiti tradizionali (ma sì, pure quelli da uomo, chisse! XD la vorrei fare prima o poi! <3
    Magari rubandoli a qualche bel figliolo "filming" drama storici! Awwww!
    Ehm ehm. GeeJay contegno.
    Io avrei un'idea becera sul cappello che non si toglievano mai, ma ve la evito. XD Vi basti sapere che penso ai parrucconi del Re Sole...XD Chissà che ci nascondeva li sotto...XDXD
    Le tipe che si dopano di didietro e vanno in giro con 12 cm di tacco...mah...*in realtà rosica perché se mette quei tacchi RAZZOLA e RUZZOLA prima di alzarsi dalla sedia*
    I pheeghi in nero col pantalone con riga a lato...beh...ad averne anche da noi, cribbio. Se me lo date per standard in Corea mi trasferisco e ciao. XD Ottima scelta sul modello cmq! <3 Cicino, chissà come sta (OT, sorry...)
    Sui pantaloni - pannoloni avete la mia stima e proporrei di fare un gruppo FB se già non c'è...XD Idem per le scarpe da circo. (oddio...settimana prossima da me c'è il circo...i Clown mi fanno un'impressione assurda...help...)
    In conclusione...Evviva il loooook nature! <3
    Ehehehe... *filmini*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao GeeJay!
      Tranquilla, non sei l'unica ad avere momenti di "hiatus" dai drama. Magari ci sono quei periodi che nessuna trama ti attira e quindi decidi di fare una pausa, in attesa di qualcosa di interessante!
      Ahahahah è una cosa che ho pensato anche io, vedere nello stesso articolo uno bellissimo Hanbok e poco più sotto quella sotto specie di mutanda "riempi-fondoschiena" è raccapricciante. XD
      [Vai tranqui per l'OT ;) A fine dicembre ha pubblicato una lettera scritta a mano dove rassicura i suoi fan. Dicendo che sta facendo le varie terapie e si sente un filino meglio. ♥]

      Elimina
    2. 'assie! <3 Sì...ahimé dopo alcuni drama storici (la fissa è rimasta) trovarne altri è dura...e quelli ambientati ai giorni nostri son strani (mia visione al momento, causa fissa) XDXDXD
      XDXDXD
      Vero vero, ancora più divertente come articolo! <3
      (awww, mi era sfuggito, meno male! Fighting al caro! <3)

      Elimina
    3. Ciao Cara, bentornata sui nostri lidi è un piacere ritrovarti!
      Spero vada tutto bene e che nel frattempo tu abbia recuperato tutto!!!
      Comunque sì, ti confermo che per l'uomo coreano, la mise total black, rappresenta la perfezione dell'eleganza per antonomasia.
      Con lo scempio che si vede in giro, sembra sul serio una meta inavvicinabile x°D
      Mi balenava in mente di scrivere per i prossimi approfondimenti qualcosa che riguardasse la routine "capelli" dei coreani, perché con tutte le decolorazioni che fanno, ancora mi chiedo come possano non essere tutti calvi!
      Spero che questo angolino ti terrà compagnia anche in futuro.
      Noi siamo sempre qui ad aspettarvi a braccia aperte!

      Elimina
  6. No vabbè Oddio sto ancora ridendo leggendo questo post! ^_^
    Credo che la moda coreana nonostante ami la moda occidentale,a volte non ci prende prorio.Ce n'è da dire a iosa....
    Comunque della Korea storica trovo l'Hanbok splendido in ogni colore e classe,se penso che questi dettagli classificavano lo status sociale , bastava proprio poco: era facile capire a che classe si apparteneva.
    Per il capello degli uomini, ho avuto lo stesso identico pensiero, però che diamine riparava dal sole se era tutto bucherellato?, senza pensare alla famigerata cordicella che pare pronto allo sgrano tipo rosario mah!
    Le camice alla coreana ...che ricordi, si usavano tanto quando ero giovane e ora pure a quanto pare,pensandoci è vero che nei drama i koreani non portano quasi mai queste camice boh...in compenso hanno sempre casa allagata,e mi sanguina il cuore quando vedo i ragazzi indossare un'abito splendido con il pantalone corto tipo andiamo a farci un giro sul bagnasciuga!

    Le ragazze...mbè le ragazze hanno sempre le gambe di fuori e si sa che la Korea invernale è freddissima ma nulla loro hanno giacconi , cappotti e pelliccia, ma le gambe sempre ingnude che cavolo ma sono strane assai :)
    MA LE SCARPE!!! ODDIO
    sempre numeri grandi è vero, nei drama si vede sempre lo spazio dietro il tallone e la cosa mi fa piangere altro che ridere ma dai!!!!!ma che hanno contro le giuste misure????

    Dopo questo fantastico post che, cara Sho-Jem hai chiuso in bellezza regalandoci un fantastico Sung Hoonin total black,non mi resta che ringraziarti e al prossimo viaggio nel tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andre, bentornata anche a te qui sul blog, sono felice di rivederti in questo angolo, dove l'orrore la fa da padrone x°D
      La moda è un mistero per me.
      Soprattutto perché credo che dovrebbe essere un aspetto soggettivo anche se... I pantaloni alla zompafossi (i miei quando era piccola li chiamavano così) o le magliette fluo restano completamente lontani dalla mia persona.
      Sinceramente non so di chi avere più paura in campo modaiolo, se della Cina, del Giappone o della Corea perché tutte e tre si impegnano davvero molto nel dare il proprio... contributo.
      Se poi andiamo a vedere cosa passa sulle nostre passerelle poi non è che possiamo vantarci di chissà cosa, ma dettagli.
      Le scarpe di 3 numeri in più non riesco ancora a spiegarmele. Comodità?
      Non se le perdono mentre camminano?
      Risparmio?
      Ma non costano di più?
      Ok... lo ammetto non lo capisco x°°°°D
      Grazie a te per aver letto questo articolo e se ti ha strappato un sorriso beh allora, il suo dovere lo ha fatto!
      Alla prossima!

      Elimina
  7. io mi sono fermata alle mutande contenitive per lo shook..ahahahah ma davvero esistono????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah purtroppo sì xD

      Elimina
    2. Esistono eccome Angela, sono arrivate anche da noi, le ho viste qualche giorno fa in un negozio, giuro!

      Elimina
  8. niente sono proprio avanti..ahahahah

    RispondiElimina