lunedì 9 ottobre 2017

≈ POLLO FRITTO - 닭강정 ♪

Ciao ragazze e ragazzi! U & I  presenta  " U & I in Cucina ", la nuova rubrica fatta di morsi e fornelli. Ogni "episodio" di questa rubrica, conterrà la ricetta e qualche cenno storico-sociale della leccornia scelta!
Ci tengo a precisare che le ricette sono rivisitate da me e che quindi, possono presentare imperfezioni; sul web si trovano tantissime ricette diverse, provate più volte per trovare quella che più si adatta al vostro modo di cucinare.
Le dosi di quelle rivisitate da me, sono sempre  " sostanziose " in quanto quando preparo qualcosina, devo sfamare più persone hahaha. Detto questo, buona lettura e aspetto i vostri commenti, le vostre "prove"!
EPISODIO 4!


 ≈ POLLO FRITTO - 닭강정 ♪




Ingredienti!

→ 1kg di coscette di pollo, media grandezza.
→ 1 tbs sale
→ 1 tbs pepe nero
→ 2 tbs zenzero fresco o in polvere
→ Fecola di patate o amido di mais
→ 2 tbs Olio di sesamo
→ Olio di semi per frittura


Per la salsina, dosi qb
→ Salsa di soia
→ Aceto
→ Zucchero di canna
→ Semi di sesamo

→ Gochujang o crema di peperoncino


I Coreani amano il pollo fritto, lasciato al "naturale" o ricoperto di salsine piccanti ovviamente.
Lo mangiano in tutte le occasioni e in ogni angolo del paese, troviamo negozietti specializzati... già, negozietti, non ristorantini.

Ogni negozietto dispone di offertone particolari, come ad esempio una tessera fedeltà, sulla quale si segnano le confezioni di pollo acquistate... e ad ogni tot confezioni, corrisponde una consegna gratuita o qualche premio.

Prima degli anni '60, il pollo si presentava solo bollito, accompagnato da verdure di stagione, riso bollito e zenzero.

Solo alla fine degli anni '60, si incontrò la meravigliosa tecnica di frittura che oggi conosciamo, spinta in avanti dalla crescita economica del paese.
Nel 1982, la vendita di pollo fritto balzò in avanti, con le novità piccanti portate da Pelicana Chicken; oggi lo conosciamo col nome di Yangnyeom Chicken, letteralmente pollo condito.
Con l'arrivo in patria della catena Americana, Kentucky Fried Chicken, nel 1984, l'idea del pollo fritto si allargò al punto da coprire tutto il territorio.


Indubbiamente, tra le grosse industrie si creò un clima di competizione.
L'anno decisivo fu il 1997, quando la BBQ Chicken, la più in voga e conosciuta del periodo, affrontò la crisi finanziara, promuovendo l'idea della consegna a domicilio.
La popolazione amava il sapore di un piatto fresco e giovanile, un piatto da risate e canzoni ai piedi del fiume.
Solo negli anni 2000, l'idea di pollo fritto si colorò di polveri e sapori; aglio, formaggio, polvere di peperoncino e salsa barbecue, resero il croccare del pollo più... allegro e particolare.

Oggi viene definito il piatto dei giovani, ma sono sicura che... nessun "carnivoro" rinuncerebbe mai ad un morso!





Il Procedimento!


Prendete le coscette e controllate che su queste non vi siano peletti.
Con una forbicina, rimuovere l'eccesso di pelle.
Quando le coscette sono belle e sistemate, porle in un contenitore pieno d'acqua fresca e lasciarle in ammollo per cinque minuti.
Lavare bene un paio di volte, cambiando sempre l'acqua.
In un contenitore, versare l'olio di sesamo, zenzero e pepe nero, mescolare bene e aggiungere lentamente le coscette, così da far insaporire tutto.
Vi consiglio di usare le mani, guanti o non guanti, così maneggiando il pollo, aiuteremo la carne ad assorbire i sapori.

Salare bene, e lasciare a riposo per 10-15 minuti, NON a temperature troppo basse.
Coprite con della pellicola per non creare troppo sbalzo termico.

In un contenitore, versare l'amido di mais ( o la fecola ) e " infarinare " le coscette, una ad una, due volte.
Vi raccomando una sola cosa, NON infarinate le coscette per friggerle in un secondo momento, perché l'amido si appiccica e non verrà fuori niente.
Devono essere fritte appena infarinate. 
L'olio deve essere già caldo, usate la tecnica del cucchiaione di legno ( olio caldo, frizza attorno al cucchiaione ).

Massima attenzione nel mettere le coscette in frittura, l'amido schizza parecchio e strabolle, perciò munitevi di coperchio-scudo.
6 minuti per lato.


Una volta ultimata la cottura ( 6 minuti ), le coscette già fritte devono finire di nuovo in padella, altri 6 minuti per lato.
Io uso la carta da frittura per scolarle, vi sconsiglio vivamente di usare i fogli di carta scottex e simili, perché si appiccica tutto.
Se non disponete di carta da frittura, scolatele usando un semplice scolapasta.


In questo modo, abbiamo le semplici alette fritte, le adorate alette di Onew.
Però... peeerò, i Coreani dispongono di tantissime versioni di pollo fritto... e io ho provato sia questa semplice che quella piccantissima e cremosa.


Per avere la versione cremosa, si devono seguire tutti i passaggi che troviamo su... e preparare la cremina.
In una padella antiaderente, versare aceto, salsa di soia e gochujang, portando a bollore.
Aggiungere lentamente lo zucchero di canna per caramellare.
Quando il tutto assume una bella consistenza pastosa, aggiungere i semi di sesamo e versare sulle coscette... ancora calde!






Impiattare!


Non esiste un vero e proprio "modo" per impiattarle.
C'è chi adora mangiarle nelle ciotoline di cartone, chi su piatti enormi, chi nella carta da cuoppo.
Io adoro metterle sui vassoietti di cotto o su piatti lavorati per coprire lo stile asiatico.

Insomma, basta sgranocchiarle no?



L'episodio 4 della rubrica mangiosa vi dice ciao ciao! Vi invito come sempre a seguirci * - * e a condividere con noi i vostri piattoni! Sono curiosa da morire!
See you soon!!

14 commenti:

  1. Perché non posso permettermi fi mangiare frittura!? T__T. Il pollo fritto è troppo invitante! Anche se ni fa male, qualche giorno lo preparo e amem. Ne sarà valsa la pena xD Grazie per i consigli :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TAT in realtà, io dovreeeei evitare di pappare frittura, però alla fine, uno strappetto alla regola si può anche fare! Magari un solo morso u.u giusto per levarsi la voglia!

      Elimina
  2. Mi incuriosisce questo piatto *_*
    Ovviamente, io opto per la ricettina non piccante perché, altrimenti, non riuscirei a dare nemmeno un morso. ;O;
    La parte in cui dici di munirsi di "coperchio-scudo" mi ha fatto morire XD ma è un consiglio utilissimo!
    Grazie~~♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. u_u Il pollo fritto è "traditore"!
      Scoppietta in modo controllato ma quando esagera, lo fa in modo tragico.
      Un solo colpo sporca tutti i fornelli hahaha
      U_U mai abbandonare lo scudo, mi raccomando!

      Elimina
  3. Buono lo vorrei provare anch'io, ogni volta nei drama sì vedono piatti invitanti 🍗🍗🍗🍺🍻 pollo fritto e birra accoppiata vincente😄 Marghe ps:mangerei anche quello piccante 💪

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un piatto da birra, verissimo!
      La "chiama" proprio, freschissima e spumosa il giusto!
      Io lo preparo quando si organizzano cene dramose, concerti in tv, insomma, quando si può fare la solita "americanata" da dita unte e tappeto ricoperto di briciole hahahaha

      Elimina
    2. hai ragioneXD mi piace questa rubrica molto curata e poi grazie anche per le ricettine che posti^_^
      Marghe

      Elimina
  4. Da non amante della carne, lo preparerei per il resto della famiglia.
    Questa fissazione per il pollo fritto, l'ho sempre associata all'America e alla fissazione per i cibi unti, invece seppure rivisitato un po' in tutto il mondo il pollo fritto è apprezzatissimo.
    Il passaggio della fecola, me lo immagino complicato non so il perché x°D sicuro mi si appiccica tutto addosso. x°D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E3E il passaggio pollo marinato->fecola è davvero come lo immagini hahahaha
      Per evitare che le mani diventino parte dell'impasto, basta pasticciare un po' nell'olio di sesamo.
      Ovviamente si appiccicherà lo stesso xDD però sarà più semplice lavare via tutto.
      Comunque alla fine è davvero un'americanata, anche perché lì xD friggono di tutto!

      Elimina
  5. Adoro il pollo fritto ( Pure mio marito non scherza, ne mangerebbe a kili!!!),
    generalmente lo compro già infarinato e da friggere da una ragazza di cui mi fido perchè sono schizzinosa, non mangio nemmeno l'hamburger confezionato.^_^
    Decisamente è meglio prepararlo da me perchè come dici tu l'infarinatura si appiccicca ...ma in questo periodo sono pigra uff.:(

    Ma quando vedo nei drama i koreani che mangiano il pollo con tanto gusto rigorosamente innaffiato con la birra mi cala letteralmente la bavetta :)

    essiphenom, questi post sono carinissimi, in effetti ti invoglia a provare le ricette, appena riesco vado a scruccullarmi anche le altre proposte culinarie.
    Grazie mille e come sempre alla prossima ^_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. * 3 * ih grazie per i complimenti!

      Beh, sono anch'io così, compro gli ingredienti e preparo tutto in casa.
      Non è questione di sfiducia, è più un " chissà che ci mettono dentro!".
      Quindi, se alla fine posso tranquillamente preparare tutto da me, perché non farlo u.u ? Ti capisco totalmente!

      Si mangia a kili, si mangia veramente a kili hahaha un morso tira l'altro e quando infili la mano nel cestino, alla ricerca del nuovo pezzetto, accorgendoti poi che nada pollo... beh hahahahaha ti lascio immaginare!

      Elimina