mercoledì 26 luglio 2017

U & I in Cucina / ≈ OKONOMIYAKI - お好み焼き ♪

Ciao ragazze e ragazzi! U & I  presenta  " U & I in Cucina ", la nuova rubrica fatta di morsi e fornelli. Ogni "episodio" di questa rubrica, conterrà la ricetta e qualche cenno storico-sociale della leccornia scelta!
Ci tengo a precisare che le ricette sono rivisitate da me e che quindi, possono presentare imperfezioni; sul web si trovano tantissime ricette diverse, provate più volte per trovare quella che più si adatta al vostro modo di cucinare.
Le dosi di quelle rivisitate da me, sono sempre  " sostanziose " in quanto quando preparo qualcosina, devo sfamare più persone hahaha. Detto questo, Buona Lettura e aspetto i vostri commenti, le vostre "prove"!




≈ OKONOMIYAKI - お好み焼き ♪




→ 30 grammi di Farina per Okonomiyaki
→ 40 grammi Farina 00
→ Un pizzico di Sale
→ 100 grammi di Cavolo
→ 30 grammi Cipollotto Fresco
→ 2 Uova
→ Mayonese Giapponese
→ Salsa Okonomiyaki
→ 80 ml Acqua
→ Fettine sottili di Bacon
→ Tonno Essiccato in fiocchi
→ Erba Cipollina



L'okonomiyaki (お好み焼き) è un piatto tipico della cucina Nipponica, meglio conosciuto come pizza Giapponese.
L'aspetto ricorda vagamente il tipico pancake Americano.
E' una pietanza che piace a grandi e piccini, la quale preparazione non ruba troppo tempo ne richiede particolari abilità in cucina.
L'impasto comprende foglie di cavolo tagliate a striscioline sottili, o spesse in base al gusto, acqua, farina ed uova, ai quali si aggiungono i gusti saporiti di  carne o pesce, cipolle e spezie di vario genere.
Nei locali ed in alcune case Giapponesi, l'okonomiyaki viene cotto su una piastra calda, chiamata Teppan - 鉄板焼き, da un lato e dall'altromunendosi di spatoline metalliche che evitano l'appiccicarsi dell'impasto sulla piastra stessa.
A cottura ultimata, la parte croccante e coperta di bacon del pancake nipponico, si lascia coprire da un abbondante strato di mayonese Giapponese, salsa okonomiyaki, bonito in scaglie e una spolverata di alghe triturate.
Viene poi servito tagliato a spicchi o a quadratini grossolani.



Storicamente parlando,la nascita dell'okonomiyaki si colloca nel dopoguerra, proprio tra le braccia della città di Hiroshima, ma qualcuno sostiene che la sua vera provenienza sia invece da attribuire alla città di Osaka.
L'Okonomiyaki di Hiroshima prevede una piccola parte di impasto posta prima in cottura, alla quale seguono poi una grande quantità di cavolo, cipolla, altri ingredienti ed il resto della pastella che farà da coperchio.
L'Okonomiyaki di Osaka invece, vede l'impasto omogeneo ed intero, amalgamando tutti gli ingredienti in modo naturale e lasciandosi ispirare dall'occasione o dal gusto.



Il procedimento è semplicissimo.
Qualora si voglia preparare un Okonomiyaki in stile Osaka, basterà mescolare acqua e farina, amalgamandola lentamente così da evitare grumi.
Aggiungere cipolle tagliate a listarelle o sottilissimi quadratini, cavolo tagliato a fettine ( lo spessore dipende dal gusto ), uova, carne o pesce, insieme o a scelta ed un pizzico di sale.
Mescolare bene.
Mettere a scaldare una padella anti-aderente a fuoco basso con un goccio d’olio d’oliva.
Alla base del nostro pancake, quindi anche in padella, ci saranno fettine di bacon adagiate l'una accanto alle altre o incrociate, tutto dipende sempre dal gusto.
Ad impasto omogeneo versare il tutto in padella, creando piccole porzioni o una sola grande porzione riempiendo la superficie della padella.
Coprire e lasciar cuocere fino ad avvenuta doratura su entrambe le facce.



Mentre l’Okonomiyaki cuoce, in un’altra padella far rosolare il bacon senza l’aggiunta di olio; sarà il grasso stesso rilasciato dalla carne a divenirne sapore e lucidità.
A "croccantezza" ultimata ( la fettina di bacon deve letteralmente croccare ), spegnere il fuoco e lasciare a riposare.
Appena il bacon è sufficientemente freddo, tagliarlo a fettine, lo spessore è a piacimento.


- Impiattare -

Adagiare l’Okonomiyaki su un piatto singolo o su piatto da servizio.
Decorare il dorso con la mayonese e la salsa per Okonomiyaki, aggiungendo poi l’erba cipollina, il tonno o il bacon, e finendo con un ciuffo di alga nori tritata a coltello.
Il decoro e l’ordine delle salse è a scelta del cuoco!
Buon Appetito!

18 commenti:

  1. Ci tenevo ad essere la prima ad inaugurare la tua nuova rubrica cara Annina!
    Personalmente nonostante ami l'Asia in generale, non vado pazza per il loro cibo.
    Da buona italiana quale sono penso che la cucina di casa mia sia la migliore al mondo, e infatti un mese intero in Corea a Settembre lo vedo tragico sotto il fattore alimentazione x°D
    Per quanto l'okonomiyaki, venga "spacciato" per la pizza giapponese, per me la pizza resterà sempre e solo quella al pomodoro con un filo di olio nostrano e una fogliolina di basilico!
    Però mi incuriosisce, perché oltre al bacon che non amo, è un piatto a base di verdure e per me le verdure sono la fonte di sopravvivenza!
    Forse ingredienti come la carne essiccata e la maionese jap, sono difficili da reperire, o almeno per me che non vivo in una metropoli purtroppo ç_ç
    L'aspetto però resta molto invitante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. * - * Ehi!
      Beh, la cucina Italiana per me rimane comunque la prima in assoluto, la migliore.
      Riso ed alga vs la pasta al pomodorino fresco, basilico e grana in scaglie?
      Indubbiamente però, amando la cucina in modo smisurato, mi è piaciuto tantissimo poter sperimentare e nonostante all'inizio fosse "tragico" abituarsi al sapore, il tempo e la pazienza nel preparare i piatti, mi hanno...dato la spinta definitiva ed è stato amore!
      Per i prodotti meno reperibili, io uso siti online come zenmarket o spulcio tra scaffali e scatoloni di un negozietto d'alimentari cinesi che si trova a 15 minuti circa in macchina da casa mia.

      In Corea prova il pollo fritto ed il kimbap, ddeokbokki e patatine a girella T_T pensami mentre sgranocchi!

      Elimina
  2. Complimenti per questa nuova rubrica, Anna~♥
    L'Okonomiyaki è una ricetta che vorrei provare a fare, è un desiderio che ho da tanto tempo, ma purtroppo i miei non apprezzano cucine diverse da quella nostrana... ç_ç
    Resta comunque una cosa che voglio fare quindi, prima o poi, riuscirò a prendere possesso dell'angolo cottura. XD
    Anche se, forse, da me non si trova la mayonese giapponese. >_<
    Ad ogni modo, seguirò la tua ricetta che hai spiegato in maniera molto chiara *____* per cui, arigatou gozaimasu!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. * - * Grazie!!
      Io avevo lo stesso problema nel lontano ( mica tanto ...) 2012.
      Ho iniziato a zampettare nella cucina Asiatica e mio padre era tutto un " ma che mangi mò?!".
      Alla fine però cucina nostrana o meno, gli ho fatto provare qualcosa come l'okonomiyaki per l'appunto, i gyoza, le jeon, spaghetti di soia alle verdure, tutto questo usando prodotti a costo zero praticamente, presi in gran parte dall'orto di nonna.
      Ha cambiato idea e ha ... allargato gli orizzonti.
      Non dico che tutti siano ben disposti a "provare" qualcosa di nuovo ma a volte, funziona "indorare la pillola".
      Intanto * - * sono felice di aver fatto un bel lavoro, pregus!

      Elimina
  3. Mi piace molto l'idea di questa rubrica (in passato avevo pure comprato "La cucina giapponese coi manga" xDDDDDDDD), però devo ammettere che non ho mai provato l’Okonomiyaki... e questa è una grave mancanza ç_ç Magari nei prossimi giorni provo a farlo xD La tua ricetta, poi, è veramente chiarissima, quindi spero di non avere problemi... Al massimo se sentite le mie urla... vuol dire che avrò combinato qualche macello xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. * - * Possiamo dire ( tutti quanti proprio ) di aver sbavato sui piatti presenti in anime e manga!
      In alcuni casi, guardare gli anime mi fa venire fame, quindi corro in cucina e sperando di avere tutti gli ingredienti a portata di mano, cerco di riproporre quanto visto.
      Ad esempio, guardando Yuri on Ice, ho sbavazzato sulla tastiera del pc per il katsudon... che ancora devo fare ma, dettagli.
      Per qualsiasi cosa u_u sono qui!
      Non sono una cuoca al 100% ma qualcosina posso dirla XD

      Elimina
  4. Ahhh, moglie mi fai venire fameee ;_; quasi quasi scappo da te, ti rapisco e ti costringo a cucinarmi per sempre, ti prometto di ti tratterò bene <3
    Non vedevo proprio l'ora che uscisse questa rubrica **, e io so pro alla versione di Osaka ma secondo me non avevi dubbi su questo uu''.
    Scritta benissimo ; _ ; e solo a leggere mi tornavano in mente i ricordi di quando me l'hai fatta assaggiare per la prima volta, mamma mia, potrei sbavare per colpa tua.
    Complimenti per questo nuovo piccolo passo <3, e grazie alle ragazze del gruppo per averti dato questa opportunità! Fighting !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. T_T mi costringi a cucinare e prometti di trattarmi bene, sono due belle parolazze che non stanno bene così vicine.
      Grazie per le belle parole T_T tu sei un po' la cavia hahahah e ovviamente non avevo dubbi sul tuo pendere verso Osaka.
      ( Preferisco anche io la versione di Osaka!! )
      La prossima volta ti farò provare qualcosa di meeega nuovo!
      Promesso!

      Elimina
    2. Anna merita tutte le opportunità possibili e siamo felicissime/i di averla accolta nel nostro gruppo ^_^

      Elimina
  5. Oh my god! Da aspirante cuoca casalinga quale sono, non posso non provarla! *-* Mi manca solo la salsa okonomiyaki, in casa ho già il tonno e tutto il resto... Anna penso che la tua rubrica culinaria sarà ben quotata da tutti noi e non solo ♥ Appena riuscirò a preparare ti manderò una foto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. * v * Lo spero tanto!
      Per fare in casa la salsa okonomiyaki esiste una ricettina ma è difficile avere tutti gli ingredienti XD quindi conviene prenderla già pronta!
      Aspetto le tue foto eh!

      Elimina
  6. Interessante questa nuova rubrica.
    Se non fosse che sono quasi vegana ( mangio le uova ma solo quelle delle galline di mia sorella che vivono libere,vanno dal veterinario se stanno male è muoiono di morte naturale) la proverei subito.
    E se elimino il bacon?
    Esisterà pure una versione vegetariana,o no?
    Mi piace molto la cucina asiatica (oggi,sushi per pranzo) e confesso che negli ultimi anni,mi ritrovo molto spesso a cucinare e mangiare riso,noodles,spaghetti di riso,di soia,soba,tofu,salsa di soia,zuppa di miso e via di seguito.
    Rigorosamente nelle ceramiche cinesi o giapponesi e rigorosamente con le bacchette.
    Ceramiche e bacchette le adoro e ne ho di tantissimi tipi,comprese le bacchette in metallo in stile coreano.
    Sto pensando di cimentarmi nella preparazione del kimchi...avete qualche ricetta facile facile con ingredienti che si possono reperire anche qui da noi?
    Tutti i padri sono uguali,anche il mio reagisce allo stesso modo quando mi vede arrivare in tavola con la ciotola di riso e le bacchette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Il bello della cucina asiatica è che comunque dispone di un mondo di ricette che non "pretendono" la presenza di carne e affini.
      Mentre nella nostra "cultura" è quasi un obbligo ( vedi nonnine del sud anti "diete strane" ), in Asia tendono ad assumere meno proteine animali di quante se ne ingurgitino in Occidente, prediligendo verdure di ogni genere.
      Indubbiamente però, mangiano carne e pesce xD

      La versione "vegetariana" puoi crearla dal nulla tranquillamente.
      Io non mangio carne di maiale e non posso mangiare le uova, se non bollite, perciò questa è la mia variante.

      Seguo la ricetta, sostituendo le uova con l'amido di mais per far "collare" l'impasto, versandone spolveratina dopo spolveratina finché l'impasto non sembra morbidone, stile slime o come si chiamano hahah
      Non uso bacon, nemmeno sotto tortura, preferito fettine di cetriolo arrostite, fettine sottilissime di carota, insomma, alla fine tutto si lega benissimo alla voglia, al gusto.

      Per quanto riguarda il kimchi, certo! Ho la ricetta! Magari la inserirò nella prossima giornata di questa rubrica *-*
      Avvertimento però xD puzza tantissimo, quindi conviene munirsi di contenitori anti virus letale!

      Elimina
  7. Grazie mille della dritta, proverò e ti farò sapere.
    Attendo la ricetta del kimchi allora.
    Puzza veramente tanto tanto???
    Beh,del resto il cavolo non è noto per il profumo inebriante.
    Quando hai tempo ed hai voglia di postarla,io sono pronta a sperimentare!
    ;)
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente * - * !
      Va benissimo, inserirò una piccola nota kimchi nella prossima "puntata"!
      Beh...molto, il mio povero frigorifero puzzava solo di cipolla e cavolo.
      Alla fine deve fermentare, quindi lascio immaginare l'effetto delle normali "giornate" su del cibo...fermentato.
      Buono ma puzzoso.

      Elimina
  8. Complimentissimi per la nuova rubrica Anna!!!
    Non sono amante dei fornelli ma mi piace mangiareXD
    Vorrei provarli e visto che la ricetta l'hai spiegata benissimo, potrei farci un pensierino*-* Anche se dovrei solo farli per me...a casa non sono amanti dell'asiatico-.-
    A volte prendo i noodles istantanei o Yakisoba,ma più di questo non faccioXD
    Sono una pigronaXP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie * - * !
      Io ho lavorato nel settore e col tempo è nato un vero e proprio legame tra me e i fornelli!
      Diciamo che la cucina asiatica va tanto di pazienza e tranquillità, quindi per la buona riuscita di un piatto, bisogna dedicarvi tanto, tanto tempo xD
      Beh i noodles sono la base, tutti partiamo da quelli * - * e sono anche molto buoni!

      Elimina