lunedì 5 giugno 2017

La moda questa sconosciuta! - Giappone -

Per il nostro consueto rilascio delle schede su curiosità extra, oggi vi presentiamo un argomento bizzarro per l'Oriente, esatto parliamo proprio di lei, la signora MODA!
Oggi iniziamo a parlare del Giappone, perché fare una scheda unica per tutti i paesi diventa la sintesi della Divina Commedia, quindi dividerò il post in "puntate".
Vi sembrerà strano ma la moda nei paesi orientali vista agli occhi di un occidentale è un po' come: un incidente frontale tra due tir.
Una delle caratteristiche dominanti è il COLORE, un tripudio di colori (che spesso nemmeno ci azzeccano niente l'uno con l'altro) accostati con grande ardire, risbocciano i verdi acidi accostati ai marroni, così come le colorazioni fluo abbinate a colori caldi.
Parliamo di aspetti culturali ma anche di generazioni a confronto e fisicità che con il passare del tempo portano a nuovi canoni di "bellezza".
Per alcuni paesi ritroviamo nella moda ad esempio un gusto nostalgico per il passato, come il Giappone e l'attaccamento ai kimono e yukata estivi, ad abiti di più grande spessore come quelli cerimoniali.
Il kimono è considerato l'abito per eccellenza in Giappone le sue decorazioni così come gli accessori e la cura per il particolare sono rinomati in tutto il mondo, da quello che si dice la fascia che "chiude" questo abito, l'obi, può arrivare a costare cifre esorbitanti.
Immancabili da abbinare sono poi gli zoccoletti di legno i geta (che devono fare un male cane) utilizzati con delle calze tipiche: i tabi.
Anche la cura del capo ha la sua importanza con l'uso di fermagli e racchettine dai ciondoli scintillanti e tintinnanti.
Il trucco risulta il più delle volte molto delicato e un mix tra il vedo e non vedo, immancabile però resta la base (solitamente realizzata con BB CREAM o fondotinta mixato con polveri di riso) che donano all'incarnato levigatezza (purtroppo i paesi asiatici sono tristemente famosi per i problemi acneici delle pelli).

Un abito simile poi è lo Yukata, un vestito adatto alle stagioni più calde e realizzato con colori solitamente più pastello e da fibre leggere e traspiranti come la seta. Per acquistarne uno non ci sono grandi problemi... Se siete figlie di Berlusconi, per noi comuni mortali l'unica alternativa è vendere qualche organo. Il loro costo infatti è esorbitante. Ovviamente sia il kimono che lo yukata sono indossabili da entrambi i sessi, infatti anche se solitamente i ragazzi durante le varie feste preferiscono gli abiti casual, non è poi così raro trovare uomini tradizionalisti che fanno sfoggio del proprio patriottismo indossando abiti che di per se rimarranno sempre e comunque tremendamente eleganti. Ripeto probabilmente parlando da occidentale e pantalone dipendente, dover camminare con le gambe strettissime per molte ore non deve risultare poi così comodo, ma l'atmosfera e la sensazione di eleganza che trasmettono questi indumenti è davvero impareggiabile.
Una curiosità in più da conoscere, a quanto pare il modo di camminare delle giappine per così dire a X (con i piedi storti) è sinonimo di KAWAIII (figo, carino) tanto che in molte emulano questo modo di camminare, (rovinandosi anche gli arti inferiori). Anche per le occasioni speciali, come i matrimoni il Paese del Sol Levante, non segue propriamente il nostro stile modaiolo, infatti secondo la tradizione Cinese, il bianco rappresenta il lutto, seppure al giorno d'oggi questa visione sia stata un po' ridimensionata dall'influenza estera.

Nei matrimoni tradizionali però, è ancora uso comune che lo sposo indossi un abito nero (avrà già capito la sua sorte e si preparerà psicologicamente?) con fini decorazioni bianche, mentre la sposa indossa un abito interamente bianco...
Ora vi state chiedendo anche voi il motivo?!
Beh, anche secondo me è strano ma non essendo un'esperta della cultura Giapponese avere una risposta non è semplice sempre se... Che anche loro considerino il matrimonio la tomba dell'amore?! (Dopo di questa siete padronissimi di linciarmi x°D)
Ovviamente sfatiamo il mito che i matrimoni siano celebrati SOLO a livello tradizionale! Non è vero ragazzi, nonostante la "chiusura" nipponica, anche lì troverete degli abiti da sposa "moderni" anche sbarazzini se vogliamo dirla tutta, forse non troverete la vasta gamma di colori che caratterizza noi occidentali, ma... chi si accontenta gode!
Dato un occhio abbastanza ampio al tradizionalismo, passiamo ora invece a una moda più "dei giorni nostri" (ma anche no mi auguro) apriamo il girono dell'inferno con le Ganguro Gals?!
Vi state chiedendo che cosa diavolo sono vero? Beh, in effetti anche io, so solo che di primo acchitto, non mi ispirano nessuna fiducia...
Questi esseri ibridi... sono la fusione tra MajinBu del buon vecchio Dragon Ball e Mister Satan versione Hawaiana!
Ma passiamo ai dettagli, questa "moda" affermatasi verso gli anni 2000 e diffusasi principalemente nei quartieri di Shibuya e Ikebukuro, vanta come elementi indispensabili una forte colorazione della pelle (in pieno contrasto con i canoni Giapponesi che esaltano la chiarezza e la luminosità cutanea) l'uso di accessori sgargianti e abiti succinti dai colori molto intensi.
In molti pensano che questa moda si sia impiantata come una sorta di protesta nei confronti del tradizionalismo Giapponese, ma la vera etimologia non è ancora nota ai posteri (continuerete con le vostre vite dopo queste notizie?) anche perché, se qualcuno si presentasse in questo modo a casa vostra... Voi come reagireste?
Potremmo continuare annoverando le lolite style, le maid, i cospleyer, gli emo...
Tutte categorie ormai salpate anche oltreoceano e che hanno trovato fissa dimora anche nei nostri paesi ma poi... la scheda diventerebbe troppo lunga quindi vi lascio con le immagini!
Spero che la scheda vi sia piaciuta e di non essermi dilungata troppo (come mio solito) vi rimando al prossimo rilascio delle nostre rubriche!
Se avete domande, dubbi o perché no, volete suggerirci un tema da affrontare noi siamo qui, sempre a vostra disposizione!





16 commenti:

  1. Io sogno tantissimo di possedere uno Yukata ç_ç (Non so se è colpa di Yamapi in Summer Nude ahahahah ma credo dipenda tutto anche dai manga xD). Ogni volta che vado a un Comics o al Festival dell'Oriente mi dico: "Ne compro uno!" poi puntualmente non lo faccio perché, come tu stessa hai fatto notare, costano tantissimo purtroppo ç______ç

    Nei matrimoni tradizionali però, è ancora uso comune che lo sposo indossi un abito nero (avrà già capito la sua sorte e si preparerà psicologicamente?) --> Qui sono morto AHAHAHAHAHAHAH

    Per quanto riguarda le Ganguro Gals, non le conosco sinceramente xDDDDDDDD ma se questa nuova moda è effettivamente una forma di protesta contro il tradizionalismo... beh, mi piace assai come cosa xD Però se qualcuno si presentasse a casa mia così... forse mi spaventerei xDDDDDDDD

    Sailor Moon ç___ç

    Scheda molto interessante, tesoro ♥ Attendo con ansia gli altri Paesi ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooook, a costo di un infarto ora voglio che rimediate alla mia ignoranza e mi quantifichiate questo "tantissimo" :o

      Elimina
    2. Tesò se vuoi uno yukata tocca vendere un rene a testa x°°°D
      I prezzi sono esorbitanti ma, c'è anche da dire che la qualità del tessuto è un mondo a parte.
      Le sete vengono ancora realizzate artigianalmente.
      Mi è capitato sovente di vedere degli special sulla produzione e lavorazione della seta a livello artigianale, probabilmente il lavoro che c'è dietro non è nemmeno remunerato a sufficienza dal costo dell'abito credimi.
      Senza contare poi la meraviglia della seta dipinta a mano.
      Arte pura, ma anche una tradizione tramandata di generazione in generazione.
      Forse l'unico sbaglio è non rendere accessibile a tutti questo vestiario, potrebbero farne anche delle versioni "più economiche" ma credo che intaccherebbe la questione rapporto qualità prezzo.
      Parliamo di economia quindi il vile doblone ha sempre la meglio :-(

      Elimina
  2. Ora non so se parlo di core/giappone o boh, cmq ho notato spesso maglioncini orrendi, ma che comunque sono simili/uguali a modelli che anche noi sfortunatamente avevamo negli anni '90 forse? Boh. Non fatemi sentire vecchia e ditemi che anche voi avere rivissuto lo shock di quegli anni guardando alcuni drama ahah maglioncini che le madri ti obbligavano a mettere perché le altre maglie erano troppo aderenti, o scollate, da cattiva ragazza :o me li sogno la notte T_T neppure nei periodi in cui andavano di moda mi piacevano :o figurarsi quando finalmente c'era una moda più decente lol


    Adoro i loro kimono e lo yukata *-* anche se come dici, giustamente, devono essere scomodissimi, ma boh, non mi dispiacerebbe provare** dannò un'aria così aristocratica ed elegante *^*


    Ganguro Gals??? Chi diavolo sono? (e si, me lo chiedo ancora ahahah) <------- Sarcasmo lol comunque seriamente... se si può essere seri dopo aver visto... la conoscevo questa moda u.u anche se ne ignoravo il nome, e sì, lo dimenticherò tra 10 minuti, a meno che non assocerò canguro a Ganguro e magari Gals a??? Boh? Gallo? xD

    Oddeo che inquietanti le ultime :o

    Complimenti per la scheda xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary, scusa il ritardo nella risposta ma periodo esami=voglio morire!
      Veniamo a noi...
      La questione "moda" in oriente ha dei retrò particolari.
      Il gusto molto classico e fine tipicamente occidentale in oriente viene studiato... Ma...
      Esatto c'è un MA grande come una casa.
      Ti faccio l'esempio del mondo delle borse, il mercato è molto ampio e variegato, ma seguendo ragazze che lavorano in Corea proprio in questo settore posso assicurarti che il punto di forza non è il dsign, la progettazione e via dicendo.
      C'è moolto spirito emulativo della moda oltreoceano.
      Che poi in Europa si veda una moda sempre più orientalizzata è vero, ma anche qui intervengono molteplici fattori, a partire dal basso costo dei pezzi venduti.
      Per arrivare ai tuoi maglioncini che dire, ORRORE pure, ma ahimè ne ho visti assai anche in Italia...
      Sotto il periodo natalizio siamo stati sommersi da maglioncini con renne, babbi natali... Cosa che... Credo di aver visto solo quando avevo 3 anni x°D e insomma parliamo di 27 anni fa.
      Poi certo, la moda si ripresenta ciclicamente ma... Un minimo di innovazione mettiamocela!
      Le Ganguro hanno una fama oceanica x°D se poi fai parte del mondo dei manga ancora di più, tristemente famose per atteggiamenti anche "aggressivi"...

      Elimina
  3. A me piacerebbe tantissimo indossare un kimono... �� ma ancora di più indossarlo partecipando ad un festival estivo a Kyoto �� é il mio sogno visitare il Giappone ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adelaide,
      i Matsuri estivi, o feste popolari come vogliamo chiamarle sono un must tradizionale del Giappone.
      Lo Yukata estivo è un sogno ad occhi aperti, colori molto tenui e "freschi" rendono le passeggiate nella Tokyo notturna suggestivi.
      Spero che il tuo sogno si realizzi!

      Elimina
  4. Bella scheda tesò e molto interessante*-*
    Il kimono ha il suo fascino non c'è che dire ma indossarlo credo proprio non faccia per meXD A parte i costi, camminare diventerebbe un'impresaXD
    Però per curiosità...*-*
    Devo ammettere che preferisco le donne che lo indossino,forse perché sono sempre più decorati, mentre quelli degli uomini hanno colori più sobri e senza tutte quelle decorazioniu_u
    Oddio la cosa del matrimonio è abbastanza inquietanteXD Come la si gira,sia per gli occidentali che orientali, sembra che il matrimonio sia la tomba dell'amoreXD
    Le tipe con il mascherone,le Ganguro Gals, meglio non incontrarleXD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesò, sono contenta che ti sia piaciuta, ho provato divertimento a scriverla perché fare mente locale alle proprie conoscenze richiede... memoria! xD
      A parte gli scherzi, seppure i paesi asiatici siano sempre messi sulla stessa posizione, hanno grandi differenze anche sotto questo aspetto modaiolo!

      Elimina
  5. Acciderbolina, ero convinta di aver commentato. >_<
    Anche io ho adorato questa scheda, poi adoro la moda giapponese... tolte le ultime da te citate. XD
    Ma il kimono è da sempre il mio abito orientale preferito. ♥
    Anche se mi accodo a Kat: è decisamente scomodo da portare e da indossare. Solo per vestirsi, occorre mezza giornata!
    Invece lo Yukata mi piacerebbe indossarlo *-* è leggero e i colori sono "freschi"! Mi piace tanto ♥ poi lo associo ai Matsuri ed ai fuochi d'artificio. ♥

    RispondiElimina
  6. Davvero una bella scheda, complimenti. Scusate il commento in ritardo,ma eccomi qui! Cosa dire della moda del sol levante... amo ogni cosa! Certo, non proprio tutto (Ganguro Gals...inguardabili!), ma l'estrema versatilità in contrasto con la tradizione, mi hanno sempre affascinata. Quello che apprezzo maggiormente è il coraggio di essere ciò che si desidera, rompendo gli schemi imposti dalla società, spesso parecchio rigida ed intransigente. Prima o poi mi trasferisco da qualche parte in Asia e non torno più! Magaaariii!!
    P.S.
    Fra qualche settimana è il mio compleanno...qualcuno mi regala uno yukata? XD
    P.P.S.
    Grazie sempre per il bel lavoro che fate <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta, è un piacere ritrovarti anche in questa rubrica!
      Che dire è vero, in Asia ci sono molto spesso delle "ventate di aria fresca" da questo punto di vista ma ahimè al contempo bisogna ammettere che spesso la mentalità del posto porta all'omologazione.
      Tutte le ragazze giapponesi ad esempio sono magrissime, tutte con i capelli lunghi, tutte con gli occhioni rifatti, quasi tutte con la dentiera e bla bla bla...
      Per quanto ami la cultura e perché no anche la società orientale bisogna essere realisti e cercare in qualche modo anche di non "sminuire" la nostra mentalità europea...
      Tutto dipende dall'apertura mentale d'altra parte no?
      Oh oh compleanno in vista?
      Dicci dicci il giorno almeno ti facciamo gli auguri, anche se purtroppo "virtuali"!
      Grazie per i complimenti cara, è sempre un piacere lavorare per persone come te ^_^
      Baci~

      Elimina
  7. Hai pienamente ragione. In generale è l'apertura mentale che fa di noi essereri intelligenti, mentre l'ignoranza genera odio e discriminazione. Comunque...il mio compleanno?! Il 5 luglio son 29 anni! Attendo i vostri auguri allora 😉 grazie sempre!

    RispondiElimina
  8. Ho studiato moda e leggendo il post, mi sono ritrovata tra i banchi, sfogliando la dispensa che trattava l'argomento "bianco is the new lutto style".
    Se non ricordo male, i Cinesi identificano il bianco con il "niente", quindi la fine di tutto e ovviamente la morte.
    Credo sia facile spiegare questa logica con la nostra "ho passato la notte in bianco" che ovviamente ci ricorda il non dormire ( vittime di notti insonni fate un fischio ) ... eh beh!
    A me il bianco non piace molto per gli abiti nuziali ad esempio, preferisco l'avorio, il perla...ecco.

    Le ganguro gals ... la fusione hahahahahahaha ho sputato coca cola ovunque. La descrizione è perfetta, se solo sapessi disegnare bene ne farei una fanart haha!!
    Io adoro i glitter, robette luccicosissime ma così è davvero troppo, non ce la faccio, sembra la versione asiatica di jersey shore o come si chiama!
    Copre troppo il "vero essere" della persona e un pochino mi dispiacerebbe dover scavare tra metri di stucco per ...capire com'è davvero la faccia di qualcuno.

    La parte migliore sono ovviamente i cosplay!!
    Quest'anno farò il primo, sono anche vecchia per iniziare ma...il bello delle cose è proprio...voler fare.

    Mi è piaciuto molto questo special * - * !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, hai studiato moda Anna? *___*
      Deve essere un argomento interessante, penso che la storia della moda dei diversi paesi insegni a vedere al di là "dell'abito".
      Mi piace pensare che la cultura e le tradizioni di un luogo possono essere trasmesse anche attraverso l'abbigliamento, un uso più accentuato di colori al posto di altri!
      le ganguro sono un po' temute in patria, considerate delle scapestrate e spesso delle teppiste. Vengono giudicate soprattutto quelle ragazze che hanno dei figli.
      I cosplay oh qui tocchiamo un altro argomento molto gettonato, dicci dicci da cosa ti vestirai, qui siamo tutte curiose.
      Io e le altre ragazze siamo state a diverse fiere, soprattutto a Lucca, Romics e Comicon, ma se non ricordo male Ale era andato anche al Torino comics, quindi sei in buona compagnia!

      Elimina